lunedì 23 maggio 2011

Rapporto ILGA 2011: Il punto zero dell'Italia

Riprendiamo da "Cronache laiche" questa notizia che ci sta particolarmente a cuore, di un'Italia dietro l'Azerbaigian, cosa che ci sconforta ancora di più pensando che a ottobre sarà il grande momento per Torino dell'ILGA Europe.

Per accedere al report originale inglese sul sito dell'ILGA Europe: clicca qui.


Redazione di Articolo 3 Arcigay Valle d'Aosta

Diritti gay e lesbiche: zero punti all’Italia
19 maggio 2011

L’Ilga (International Lesbian and Gay Association) è un’associazione internazionale che riunisce più di 400 gruppi omosessuali e lesbici di tutto il mondo; conduce campagne per i diritti gay, sulla scena internazionale dei diritti umani e civili, e presenta regolarmente petizioni alle Nazioni Unite e ai governi.

Giorni fa l’Ilga ha stilato la classifica dell’indice Rainbow dei vari Stati (europei), nella quale analizza la condizione di vita delle persone lgbt; questo indicatore prende in esame solo le leggi che ci sono in un determinato paese, non il clima sociale: tra gli altri, la presenza o meno delle leggi anti discriminazione, il riconoscimento legale delle persone transessuali, il riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso, la lotta ai crimini di odio, il diritto di riunione e associazione per le persone lgbt e via dicendo. Per ogni categoria si dà un punto positivo o negativo: si può andare da un -7 (violazione dei diritti e discriminazione generalizzata) a 17 (completa uguaglianza legale).

Questi i primi 10 posti:

1) Regno Unito: 12,5 punti (il mezzo punto è dovuto al fatto che le leggi che contemplano i crimini di odio contro le persone transessuali si applicano solo in Scozia)
2) Spagna e Svezia: 12 punti
3) Belgio, Germania, Norvegia, Paesi Bassi e Portogallo: 10 punti
4) Danimarca e Islanda: 9 punti
5) Ungheria: 7 punti
6) Austria, Croazia e Finlandia: 6 punti
7) Francia, Irlanda e Slovenia: 5 punti
8 ) Andorra, Lussemburgo e Svizzera: 4 punti
9) Repubblica Ceca: 3 punti
10) Albania, Bulgaria, Estonia, Grecia, Montenegro, Romania e Serbia: 2 punti

E l’Italia? Per trovare il belpaese dobbiamo scendere ancora di 2 tacche, sorpassati da altre 5 nazioni:

11) Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Lituania, Polonia e Slovacchia: 1 punto
12) Italia, Lettonia e Malta: 0 punti
13) Georgia: -1 punto
14) Armenia, Azerbaigian, Cipro, Liechtenstein, Macedonia, Monaco, Russia, San Marino, Turchia e Vaticano: -2 punti
15) Bielorussia e Moldavia: -3 punti
16) Ucraina: -4 punti

Zero il punteggio ottenuto dall’Italia, zero per una politica bigotta, filoclericale, oscurantista, arretrata e reazionaria.

Enea Melandri

Nessun commento:

Posta un commento