martedì 17 maggio 2011

il Comunicato contro l'omofobia di Plurali Opportunità

Pubblichiamo questo comunicato stampa sul blog nonostante provenga da una parte politica perché crediamo che la tematica sia condivisibile e soprattutto trasversale a tutte le forze politiche, essendo i vari orientamenti sessuali e le diverse identità di genere rappresentati (volenti o nolenti, esplicitamente o caché) in tutti i partiti: avvertiamo quindi che se altre forze politiche o altri gruppi vorranno farci avere i loro comunicati stampa e le loro riflessioni contro l'omofobia in questa Giornata così importante ne daremo comunicazione in questi spazi.
Redazione di Articolo 3 Arcigay Valle d'Aosta

COMUNICATO STAMPA
17 Maggio Giornata Mondiale Contro l'Omofobia
Soltanto 21 anni fa, il 17 maggio 1990, l’Organizzazione Mondiale della Sanità depennava l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali da sottoporre a terapie mediche, facendo finalmente breccia in una cultura rigidamente ancorata alla norma della eterosessualità obbligatoria per il genere umano.

Da allora l’impegno coraggioso delle persone LGBT e degli attivisti dei diritti civili nel mondo ha permesso il raggiungimento di traguardi importanti per il riconoscimento della parità dei diritti civili ed affettivi delle persone indipendentemente dall’ orientamento sessuale e dall’ identità di genere.

Da quello storico giorno ogni anno si celebra la giornata mondiale contro l’omofobia perché ancora in oltre 70 paesi nel mondo essere omossessuale costituisce reato anche punibile con la condanna a morte ma anche perché il celebrare questa ricorrenza è un atto di partecipazione civile che non appartiene a qualcuno in particolare ma a tutte le persone che desiderano un mondo senza pregiudizi e che abbia spazio per tutte le diversità del genere umano.

Il nostro Paese purtroppo rimane ancora nel ristretto gruppo di quegli Stati, nell’Unione Europea è rimasta a farci compagnia solo la Grecia, che si sono colpevolmente e volutamente auto esclusi da un percorso di civiltà e di tutela dei diritti individuali delle persone LGBT.

Una auto esclusione che affonda le sue radici nel generale inasprimento della contesa politica e delle relazioni sociali che continua ad alimentare e sostenere pregiudizi ed odio nei confronti di alcune soggettività, anomalia rilevata e denunciata anche da Amnesty International nel suo Rapporto Annuale 2011 dove a proposito dell’Italia rimarca un “clima di crescente intolleranza” "commenti dispregiativi e discriminatori formulati da politici nei confronti di rom, migranti e persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender", ed il reiterarsi di “aggressioni omofobe “ le cui vittime “ a causa di una lacuna legislativa" "non hanno avuto la stessa tutela delle vittime di reati motivati da altre tipologie di discriminazione”.

Noi di Sinistra Ecologia e Libertà ci auspichiamo che la giornata del 17 maggio contro l’omofobia possa diventare patrimonio di civiltà di tutti gli attori della società civile e di tutte le persone che ricercano l’uguaglianza e il rispetto dei diritti di tutti e tutte.

Il primo passo da compiere sarà senz’altro l’approvazione della Legge contro l’Omofobia e Transfobia, presentato dalla on. Paola Concia, che si appresta ad essere discussa finalmente il 23 maggio dopo l’affossamento dell’ottobre 2009 favorito dall’allora maggioranza di governo.

Altri traguardi tuttavia si impongono con urgenza per il pieno riconoscimento dei diritti individuali e di tutela della affettività , della genitorialità che è capacità di cura con amore e responsabilità, nonché della rimozione degli ostacoli che ancora limitano l’accesso al lavoro delle persone LGBT.

Fare politica per noi significa anche essere portatori e portatrici di queste istanze: per questo noi abbiamo aderito e parteciperemo al Pride Regionale di Torino del 21 maggio “Quanto dista l’Italia dall’Europa” e all’Euro Pride di Roma dell’ 11 giugno.

Costruiamo insieme una Italia includente e solidale.

Plurali Opportunità
Sinistra Ecologia Libertà Biella

Nessun commento:

Posta un commento