giovedì 31 marzo 2011

Torino: Coppola revoca il patrocinio al Torino Gay & Lesbian Film Festival

Comunicato stampa di Arcigay Torino "Ottavio Mai":

Coppola revoca il patrocinio al Torino Gay & Lesbian Film Festival.
E' l'atto intimidatorio di una Giunta disperata.


Apprendiamo in questo istante che l'assessore alla Cultura della Regione Piemonte Michele Coppola ha revocato il patrocinio e l'uso del logo per la 26° Edizione del "Da Sodoma ad Hollywood" Film Festival: il principale evento cinematografico tematico dedicato alla cultura LGBT in Italia.
E' un gesto gravissimo a meno di un mese dall'inizio della kermesse, con tutti i materiali in produzione ed è ascrivibile all'atto intimidatorio di una giunta di fatto schiacciata sull'ideologia più retriva che il governatore Roberto Cota, leghista e rampollo di Bossi, ha imposto a tutti i suoi collaboratori.

Ci chiediamo quale idea di Torino abbia Michele Coppola - candidato sindaco di tutto il centrodestra - se nella parte finale del suo mandato si diletta a revocare
il patrocinio, quindi l'investitura istituzionale, al più antico e riconosciuto festival a tematica LGBT italiano, uno dei principali in Europa. Questo gesto contraddice completamente l'idea di una Torino aperta alle sfide del futuro, alla diversità e alla dimensione internazionale, descrivendo invece una città grigia, impaurita e magari anche omofoba: una città che attualmente non esiste.

Non è un caso che il nostro Comitato, che opera sul territorio torinese da alcuni anni, nato dall'esperienza del Pride nazionale del 2006 a Torino, abbia deciso di dedicare il suo nome proprio ad Ottavio Mai che, insieme a Giovanni Minerba (l'attuale Direttore) ha fondato questo festival nel 1985. L'esistenza e la crescita di questo appuntamento sono legate indissolubilmente alla crescita della cultura della diversità e del rispetto che ha reso Torino, culla dell'intero movimento LGBT italiano, uno dei luoghi migliori in cui vivere.

Vogliamo festeggiare i 150 anni della Repubblica Italiana, e non di quella Padana, nel rispetto della nostra storia. Chiediamo pertanto all'assessore Coppola di fare un immediato passo indietro, restituendo al Festival del Cinema LGBT di Torino tutta la dignità e l'attenzione che gli spettano.

Giovanni Caponetto
presidente Arcigay Torino "Ottavio Mai"
(+39) 349 56 340 38

2 commenti:

  1. Non è l'unica triste notizia: anche a Bologna sono in corso attacchi improvvisati ad uno storico angolo di libertà come il Cassero...

    http://radio.rcdc.it/archives/cancellieri-vuole-sgomberare-il-cassero-di-porta-s-stefano-75034/

    Meditate, gente, meditate, i diritti non sono mai acquisiti per sempre, vanno difesi!!!!!

    RispondiElimina
  2. Alla dichiarazione di Cota è seguita quella del Ministro Carfagna, disposta a dare il patrocinio al Festival:

    http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/395950/

    Patanè, presidente di Arcigay, approva:

    http://www.arcigay.it/arcigay-bene-carfagna-patrocinio-festival-del-cinema-gay-torino

    RispondiElimina