sabato 19 marzo 2011

Corteo di protesta contro ogni discriminazione, tutti in piazza!

La discriminazione prende tante forme, assume tanti volti quanti sono coloro che si sentono migliori di noi, di voi, di loro, e giustificano così il loro disprezzo verso chi considerano diverso. Il razzismo, il sessismo e l’omofobia, per citare le tre forme di discriminazione più frequenti e virulente, sono strettamente imparentati, e vanno combattuti con la stessa forza.
In questo clima difficile, appesantito dalla stagnazione economica, dalle deleterie politiche sull’immigrazione, dall’immobilismo sul fronte dei diritti civili e dallo svilimento mediatico della donna, occorrono gesti e parole responsabili e concreti.
E’ necessario esprimere la propria opinione pubblicamente, perché dieci persone che gridano la loro protesta faranno sempre più rumore di diecimila che tacciono scuotendo la testa in segno di diniego. In una società in cui una persona può subire discriminazioni per l’ orientamento sessuale, l’opinione politica, il genere, l’età, l’etnia o la religione, nessuno di noi può ritenersi veramente al sicuro.
Non ci possono essere margini di ambiguità. Tutti, cittadini e istituzioni, sono chiamati a prendere posizione, schierandosi a favore dell’accoglienza, della multiculturalità, della valorizzazione delle differenze e della parità dei diritti, oppure a fianco di chi alimenta la “cultura” del sospetto e della paura, magari per trasformarla in consenso elettorale.
I casi di discriminazione sono all’ordine del giorno. Anche in questo caso, purtroppo, chi tace acconsente.
Arcigay Valle d’Aosta “Articolo3” non ci sta, e lo dimostra partecipando al corteo contro le discriminazioni organizzato dal Collettivo Studentesco, manifestazione a cui parteciperanno i cittadini e le associazioni che decidono di affermare con forza il valore positivo della differenza e la sostanziale uguaglianza di tutti gli uomini e le donne in termini di diritti e doveri.
Vi aspettiamo in piazza Chanoux alle 16,30. Partecipate numerosi!!


Nessun commento:

Posta un commento