giovedì 31 marzo 2011

Arcigay sarà tra gli organizzatori di ICAR 2012

Da arcigay.it:

Arcigay. ICAR, rumorosa assenza della classe politica a conferenza nazionale hiv
29/03/2011 - Stefano Bolognini, Ufficio stampa Arcigay


Si conclude oggi a Firenze ICAR, la conferenza nazionale sull'hiv che ha visto almeno 800 delegati confrontarsi, per 3 giorni, su tematiche che vanno dalla virologia, all’immunologia, alla diagnostica, all’epidemiologia fino alle scienze sociali.

ICAR ha offerto al Paese uno spazio ampio ed articolato di dibattito sull’hiv, sulle terapie, sulla ricerca e sulla prevenzione.
Arcigay ha dato un contributo fattivo alla riuscita della conferenza presentando, tra l’altro, l’abstract relativo al laboratorio residenziale hivoice a cura di Filippo Porcari di Arcigay Bologna e la ricerca EMIS, la prima ricerca sui comportamenti sessuali degli msm a cura di Michele Breveglieri di Arcigay Verona.

Arcigay parteciperà, insieme ad Anlaids, all’organizzazione di ICAR 2012, subentrando alle associazioni LILA e NADIR.
“ICAR ha rappresentato anche quest’anno un momento di valorizzazione della ricerca in Italia qualificata a livello europeo nonostante i pesanti tagli agli investimenti, spiega Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay.

“Questo rende ancora più mortificante – aggiunge Rebecca Zini, responsabile nazionale salute di Arcigay – l’assenza di quella classe politica che dovrebbe sentirsi onorata e coinvolta dall’entusiasmo dei nostri ricercatori e dalla drammaticità delle problematiche che ancora oggi hiv-aids pongono alle istituzioni e al legislatore. In questo senso, medici e persone sieropositive sono stati lasciati soli su argomenti di importanza strategica come l’accesso, la sostenibilità e la tollerabilità della terapia antiretrovirale, i costi dei nuovi farmaci e così via.

L’assenza del Ministro Ferruccio Fazio, e della sanità locale, a ICAR 2011, da questo punto di vista, è grave e rumoroso”.

Nessun commento:

Posta un commento