lunedì 21 febbraio 2011

Unioni civili su Facebook Il network apre ai 'Pacs'

La rete sociale aggiorna i possibili status personali. Non più solo utenti single, fidanzati e sposati, ma anche conviventi e uniti civilmente. Quest'ultimo uno status che in Italia non ha una corrispettivo nella realtà

ROMA - Un cambiamento in ritardo sui progressi civili, questo è certo. Ma almeno è arrivato: a breve sarà possibile identificarsi su Facebook come "conviventi", e addirittura "uniti civilmente". Facebook sta modificando i suoi status di relazione, inserendo nuove possibilità di dettaglio. Da qui a poco, gli utenti che non sono single, sposati o separati e però vivono con qualcuno o (fuori dall'Italia, s'intende) hanno stretto unione civile, potranno farlo sapere al mondo.


Facebook ha deciso di ampliare i possibili status dopo aver consultato il suo "network di supporto", che comprende gruppi di consulenza LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), tra cui il "Gay, lesbian and straight education network". Di fatto, le modifiche introdotte da Facebook aprono un riconoscimento almeno virtuale a quelle coppie che per leggi contrarie o mancanza di normative, non può vedere riconosciuto il suo status di relazione dalle istituzioni. Andrew Noyes, manager della comunicazione istituzionale del social network, ha dichiarato che queste innovazioni arrivano dopo "un'elevata richiesta da parte degli utenti. Vogliamo che chiunque su Facebook abbia la possibilità di comunicare al meglio la propria situazione sentimentale o di relazione".


In Italia le unioni civili non ci sono, per lo meno non ancora. Forse la mossa di Facebook potrà aiutare una piccola, apparentemente impossibile rivoluzione. Al momento non è dato sapere se in Italia sarà possibile cambiare il proprio status in un "Pacs" almeno virtuale. Nell'attesa, nella realtà, di uscire da una condizione che separa il Paese da gran parte delle democrazie contemporanee, dove le unioni civili sono possibili anche fuori da internet. (t.t.)
(18 febbraio 2011)

da La Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento