venerdì 23 giugno 2006

Ebrei e musulmani uniti in Israele contro il gay pride!

Finalmente in Israele ebrei e musulmani hanno trovato un punto d'incontro e bloccano il gay pride in quanto pericoloso e deleterio per il processo di pace. Sembra una barzelletta eppure e così. Due comunità in guerra tra loro e che stanno cercando, riuscendoci, di scannarsi reciprocamente riescono a trovare una posizione comune contro i gay "pericolosi" e notoriamente "antipacifisti" e anche guerrafondai. Complimenti vivissimi!!
Si sono riuniti i rabbini Yehuda Levin, il parlamentare Abas Zkoor, il rabbino Menachem Froman e telefonicamente gli sceicchi Taysir al-Tamimin e Hamad Bitawi e Ibrahim Sarsur.
Questi geni, invece che sforzarsi per raggiungere la pace, si sono lasciati andare a deliri:
"Se i gay oseranno avvicinarsi al monte del tempio durante il corteo lo faranno passando sui nostri cadaveri" Sarsur
"Il gay pride compromette gli sforzi di pace" Fromen
"Gli stati uniti hanno invitato gli eretici sionisti a dissacrare i luoghi santi dell'islam" Bitawi
"se la sinistra sostiene che è necessario fare dei compromessi difficili per la pace, allora la parata na deve essere cancellata" Fromen
Avremmo voglia di fare commenti molto pesanti e al vetriolo ma riteniamo che sia il caso solo di ricordare come la madre dei deficienti è sempre incinta a tutte le latitudini.

Nessun commento:

Posta un commento