mercoledì 3 maggio 2006

Un buon motivo per sperare che il Brasile perda i Mondiali

dal Corriere dello sport:
IL CT DELLA SELECAO Parreira: No ai gay nel Brasile

RIO DE JANEIRO -"Un giocatore omosessuale non può essere convocato nella selecao brasiliana". Parola di Carlos Alberto Parreira. In un'intervista concessa al magazine "IstoE", in uscita nei prossimi giorni, il commissario tecnico della nazionale verdeoro ha ammesso con molta sincerità che l'omosessualità sarebbe una questione molto complicata da affrontare nel mondo del calcio ed ha dichiarato che non convocherebbe mai un giocatore gay nella nazionale brasiliana.
"Non ho nulla contro gli omosessuali" - ha chiarito Parreira -"accetto le loro scelte, ma non approvo i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Sono cresciuto in un ambiente molto conservatore". Il tecnico è poi tornato sulla questione del sesso durante la Coppa del Mondo, e ha ribadito che i giocatori brasiliani impegnati ai mondiali di Germania 2006 potranno fare sesso, ma con moderazione: "Come posso proibire il sesso nel XXI secolo? Il sesso non è mai stato proibito e mai lo sarà. Quello che non si può fare è il sesso in ritiro, o alla mattina se alla sera c'è una partita. Se lo proibissi integralmente verrei internato".

1 commento:

  1. Vieni a lasciare un commento sul blog dei mondiali azzurri a proposito dei gay italiani in nazionale ;-)
    http://weltmeister.blog.kataweb.it/mondiali_azzurri/

    RispondiElimina